Partner

Coordinatore

eCrime – Università degli Studi di Trento

Logo eCrime

Logo Unitn

 eCrime – ICT, law and criminology è il gruppo di ricerca sulla ecriminology (la criminologia nella società dell’informazione) della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento. Nasce dalla consapevolezza che l’ICT (Information and Communication Technology) sta influenzando la società odierna in modo pervasivo. Si parla, infatti, comunemente di eSociety, società dell’informazione. In questo contesto, ICT e criminologia si debbono necessariamente integrare ed influenzare a vicenda fino a creare una nuova disciplina: la eCriminology. La eCriminology sta alla eSociety come la criminologia stava alla “society”. La eCriminology rappresenta l’evoluzione della criminologia nel XXI secolo.
eCrime ha un approccio interdisciplinare (criminologia, diritto, statistica, scienza dell’informazione) ed è coordinato da Andrea Di Nicola, criminologo della Facoltà di Giurisprudenza. Oltre a membri interni (professori, ricercatori, assegnisti di ricerca e contrattisti) alla Facoltà di Giurisprudenza e all'Università degli Studi di Trento, ne fanno parte ricercatori italiani e stranieri che afferiscono ad altri organismi o università.
I ricercatori di eCrime possiedono competenze di livello internazionale nel settore criminologico e della sicurezza, con particolare riguardo al rapporto tra web/società dell’informazione, criminalità e sicurezza urbana, e nel campo delle indagini di vittimizzazione.


Partner associato

Questura di Trento

Logo Questura di Trento

La Polizia di Stato in provincia di Trento è presente sul territorio con la Questura di Trento e i Commissariati distaccati di pubblica sicurezza di Riva del Garda e Rovereto, ma anche con la Polizia stradale, la Polizia delle Comunicazioni, la Polizia  ferroviaria, la Polizia di montagna (Centro Addestramento Alpino di Moena) e la Squadra nautica del lago di Garda. Al suo vertice si trova il Questore, autorità provinciale di pubblica sicurezza, responsabile tecnico-operativo per le attività di tutte le forze di polizia nell'ambito dell'ordine e della sicurezza pubblica. Per lo svolgimento di tale attività si avvale dell'Ufficio di gabinetto. Nella stessa divisione trova collocazione l'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico (UPGSP), direttamente coinvolto nel progetto eSecurity come partner associato, che si occupa della prevenzione dei reati attraverso il controllo del territorio con specifiche pattuglie per garantire la sicurezza e l’assistenza ai cittadini. Dall’UPGSP dipendono il Servizio 113, la Squadra volanti, i Poliziotti di quartiere, l’Ufficio denunce e l’Ufficio analisi. Il Questore per le proprie competenze si avvale inoltre della Divisione della polizia anticrimine, di cui fanno parte la Squadra mobile, la Digos e la Scientifica e della divisione della  Polizia amministrativa e sociale e dell'immigrazione, di cui fa parte l'ufficio Immigrazione. Oltre alle predette divisioni, fanno parte della Questura gli Uffici: Personale, Tecnico Logistico, Sanitario e Amministrativo-Contabile.


Cobeneficiari

Fondazione Bruno Kessler

Logo FBK

L’unità di ricerca MPBA della Fondazione Bruno Kessler ha sviluppato numerosi sistemi WebGIS innovativi in tecnologie Open Source. La caratteristica originale dei sistemi sviluppati da MPBA è combinare assieme database per dati spaziali, algoritmi di calcolo scientifico, soluzioni web per la raccolta e visualizzazione di dati e strumenti per la decisione. Tra i sistemi più noti sviluppati da MPBA ci sono i WebGIS (sistemi di analisi di dati spaziali accessibili via web) adottati da pubbliche amministrazioni, tra cui il sistema XFauna di monitoraggio degli incidenti con ungulati, UXB-TN per la mappatura del rischio da bombe aeree inesplose e il sistema MITRIS per il monitoraggio degli incidenti stradali, utilizzati in Trentino e in Friuli-Venezia Giulia. Sempre in MPBA sono stati costruiti il prototipo per mappe di accessibilità (con HandiCrea e Almaviva) recentemente applicato in occasione dei Mondiali di Sci 2013 e la piattaforma ENVIRO (con FEM) per lo studio degli impatti del cambiamento climatico sull’agricoltura trentina. MPBA ha ora iniziato lo sviluppo di soluzioni geo-bioinformatiche per studiare l’esposizione ambientale, iniziando da Cancer Atlas, una piattaforma per la mappatura dei dati relativi ai casi di tumore (con APSS). In collaborazione con la Questura di Trento, MPBA sviluppa anche SicurSkiWeb, un sistema per prevenire gli incidenti sulle piste da sci.

Comune di Trento

Logo Comune di Trento

Trento, capoluogo dell'omonima Provincia, è una città di 116,000 abitanti, con un'organizzazione amministrativa che conta 1,500 addetti ripartiti in tre aree: Area risorse umane, finanziarie e strumentali; Area servizi al cittadino; Area tecnica del territorio. L'ampio spettro di interventi del Comune comprende aree strategiche quali l'inclusione e coesione sociale; sviluppo economico; sicurezza del territorio; istruzione e formazione, politiche giovanili, cultura e biblioteche; sport; mobilità urbana; gestione del territorio e dell'ambiente; servizi demografici e funerari. Il Comune di Trento è un'organizzazione orientata a produrre benessere e a fornire servizi di qualità per i cittadini.